Blog

Esercizio di saggezza.

La vita e la quotidianità ti impongono dei ritmi e dei tempi che poco si prestano alla calma e all’equilibrio: eppure se qualche persona che ti è vicina ti chiede un parere o un consiglio su una situazione che sta vivendo ti è molto più semplice esprimere con lucidità i tuoi pensieri rispetto a quando si tratta delle tue questioni personali.

Questo succede perchè la questione, per quanto tu sia coinvolta emotivamente con quella persona, non ti riguarda direttamente, perchè riesci ad essere più distante dalle emozioni (visto che non le stai vivendo in prima persona), perchè riesci a valutare con più lucidità la situazione nel suo complesso, a differenza di chi in quel momento si trova nell’occhio del ciclone.

Nel mio lavoro una delle tecniche che uso è la “sedia calda”, con la quale ti aiuto a parlare con una persona a tua scelta su un argomento che ti sta a cuore.

Immagina di stare seduta di fronte ad una sedia, sulla quale si trova qualcuno che tu hai invitato e con il quale intrattieni una breve ma intensa conversazione.

Nel lavoro di gruppo di solito è uno dei partecipanti ad interpretare quella parte, se siamo io e te sarai tu a metterti nei panni dell’altra persona.

È molto più semplice ed immediato sperimentarlo direttamente che descriverlo a parole: in questo sta l’efficacia delle tecniche attive. Sono esperienze concrete dove per un tempo preciso vivi un momento di confronto emotivo con uno o più interlocutori scelti dalla protagonista della situazione, cioè tu.

Il punto è che per trovare la giusta distanza dalle questioni che ti stanno a cuore è utile ed efficace metterti nei panni di qualcuno che stimi e pensare a cosa questa persona potrebbe dirti.

A questo proposito ti suggerisco un piccolo ma potente esercizio per fare questa cosa.

Pensa ad un argomento per il quale vorresti un consiglio e formula una domanda che potresti fare a qualcuno che possa darti un parere utile. Scrivi la domanda su un foglio di carta e lasciala lì.

Poi chiudi gli occhi e pensa a chi potrebbe rispondere meglio a questa domanda. Visualizza la persona come se fosse seduta davanti a te, guarda com’è vestita, pettinata, l’espressione del viso. Più particolari vedi meglio è.

Quando ti senti pronta fai la domanda ed ascolta la risposta.

È un esercizio utilissimo, che se ti abitui a fare diventerà un potente alleato nei momenti di difficoltà.

Io lo utilizzo sia negli incontri individuali che in La saggia decisione.

Se ti va di condividere i risultati della tua esperienza scrivi qui sotto e ne parleremo insieme. Sono molto curiosa di sapere com’è andata!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *