Blog

Il tuo posto nel mondo: il chakra della radice

Chi sei?

Lo so, è una domandina facile facile, e te la rifaccio pure.

Chi sei? E per chi sei intendo qual è la tua essenza? Il tuo vero se’?

C’è chi ha passato la vita intera a farsi questa domanda – Chi sono?  senza riuscire a trovare la risposta.

Ora non voglio crearti una crisi d’identità o spingerti verso rompicapo filosofici, ma sono sicura che questa domanda almeno un paio di volte nella tua vita te la sarai già fatta.

Il primo dei sette chakra, quello della radice, ha a che fare con la domanda di cui sopra: chi sono? Qual è il mio posto nel mondo? E poi con la conseguente affermazione: io sono, io esisto.

Chiedertelo comporta pensare a dove stanno le tue radici, dov’è la tua casa.

E per casa non intendo le quattro mura nelle quali vivi, ma quel posto dentro di te dove ti senti sicura e protetta, a prescindere da dove ti trovi fisicamente.

Per mettere a fuoco meglio questo pensiero prova a pensare a tutto quello che ti nutre, che ti da’ conforto, che ti fa sentire protetta: possono essere emozioni, persone, modi di trascorrere il tempo. Lì ci sono le tue radici, la tua stabilità.

Capirlo è fondamentale perché solo se hai delle radici ben nutrite e salde puoi andare nel mondo, esplorare le possibilità, metterti in gioco.

albero-della-radice

Nel lavoro di unione tra psicologia e chakra uso spesso la visualizzazione di immagini e la rappresentazione grafica, per aiutare a cogliere idee e concetti in modo più immediato e veloce.

Per questo ora ti propongo un piccolo esercizio di visualizzazione: prova a disegnare un albero. Non dev’essere perfetto, l’importante è che tu ti senta libera di farlo così come ti viene sul momento: puoi usare i colori che vuoi. Pennarelli, matite, penne, va tutto bene.

Quell’albero sei tu.

Il modo in cui lo hai disegnato può dirti molto su come ti senti in questo momento della tua vita: osserva le radici, il tronco, i rami, le foglie e ascolta le sensazioni che guardare il tuo albero ti da’.

Poi annota tutto quello che ti passa per la testa e rileggilo solo dopo aver fatto passare qualche giorno, senza dimenticare di tenere sott’occhio l’albero che hai disegnato. Sarà molto interessante osservarti da questo nuovo punto di vista, ed anche stimolante per la tua creatività.

Allora, sei pronta a scoprire chi sei?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *