Blog

Kit di sopravvivenza per l’Apocalisse… e non solo.

Tra le mie serie televisive preferite c’è The walking dead: non ho mai amato l’horror, ma l’entusiasmo con cui me ne parlava il mio compagno mi ha convinta a guardarla. Superate le resistenze alle scene splatter, e dopo aver passato un paio di giorni ad aspettarmi di incontrare gruppetti di zombie ad ogni angolo, ho realizzato che c’era dell’altro: in questa serie si parla di sopravvivenza e di come l’essere umano in caso di situazioni estreme (in questo caso un’Apocalisse zombie) sia in grado di tirare fuori delle risorse che non credeva di avere, ma soprattutto di capire quali sono le sue priorità, i suoi valori.

In The walking dead la priorità fondamentale è la sopravvivenza, cioè proprio rimanere vivi!

La sicurezza dei personaggi della serie è possibile anche grazie alla presenza di altri esseri umani, con i quali si crea un legame fortificato dalla lotta per la sopravvivenza di ognuno del gruppo.

Se mentre stai leggendo queste righe intravedi uno zombie all’orizzonte allora la tua unica preoccupazione diventerà quella di rimanere viva, sennò (molto più probabilmente) la sopravvivenza di cui ti devi occupare tutti i giorni è quella emotiva: ossia tutto quello di cui hai bisogno per sentirti protetta e sicura, per poter affrontare a testa alta la vita di tutti i giorni. Per sopravvivenza emotiva intendo anche la tua capacità di  stare in equilibrio gestendo il lavoro quotidiano per ritagliarti il tuo posto mondo, costruendo delle relazioni soddisfacenti, prendendo decisioni più o meno impegnative, cercando una direzione nella vita senza perdere il centro di tutto, cioè tu.

Tolte le fondamentali necessità materiali (mangiare, bere, dormire) cosa ti serve per sentirti in equilibrio, sicura di te e serena?

Per aiutarti a capirlo ti chiedo di prendere un foglio di carta e di scrivere tutto quello che  porteresti con te se dovessi andare a vivere per un anno su una base lunare. Valgono anche le persone, animali, macchinari e ammennicoli di ogni foggia e dimensione.

Ah, non puoi portare più di 16 cose, questo è fondamentale!

Poi rileggi con calma quello che hai scritto e prenditi il tempo di pensare a come ti fa sentire.

E’ un piccolo esercizio che può dirti molto su cosa è importante per te in questo momento della tua vita.

Quindi sei pronta a partire?

Se vuoi condividere i tuoi pensieri fallo qui sotto, sarò felice di leggerli e di commentarli!

E se ti va di approfondire questi argomenti di persona con me puoi farlo con gli incontri individuali, le consulenze psicologiche dove potrai parlarmi di questo ed altro, lo spazio di cui hai bisogno per guardarti dentro accompagnata da me, insomma non il viaggio sulla luna, ma quello molto più entusiasmante e profondo: quello dentro te stessa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *