Blog

Pensiero positivo: istruzioni per l’uso

Il pensiero positivo è un tema di cui si è parlato molto negli ultimi anni, tanto da entrare a pieno diritto nel linguaggio comune.

Proprio per questo a volte si usa senza avere davvero consapevolezza di che si tratta, ma è un tema molto interessante, di cui mi occupo spesso nel mio lavoro con le persone.

In questo post te ne parlo meglio e ti do’ uno spunto pratico per usarlo a tuo vantaggio.

Il pensiero positivo si può definire come “una scuola di pensiero che sostiene il vantaggio di allineare la mente ad uno stato di positività, superando gli schemi di pensiero negativi sussistenti e creandone di nuovi, più ottimisti e sani, al fine di affrontare con fiducia la propria esperienza di vita e raggiungere il benessere psicofisico” (da Wikipedia).

Questo tipo di attitudine serve a creare nella tua mente uno stato di fiducia nelle tue possibilità.

Si tratta di vedere dove stanno le tue risorse, le tue qualità, di capire che cosa ti serve per stare bene ed attivarti per ottenerlo.

Non puoi controllare gli eventi negativi della tua vita, su questo non ci sono dubbi, e molte ansie e frustrazioni spesso nascono dal senso di impotenza che provi per quello che non puoi controllare, e più ti focalizzi su questa idea, peggio stai.

Il concetto di fondo è che puoi sempre, e sottolineo sempre, scegliere come vivere la tua vita.

Questo non vuol dire che tu non possa vivere sentimenti negativi, anzi è sacrosanto e quando provi questo genere di sensazioni ti conviene viverle fino in fondo, non negarle.

Però puoi trovare il modo, in maniera cosciente e consapevole, per portare benessere nella tua vita.

C.G. Jung dice “La libertà di volere è la capacità di fare con gioia ciò che dobbiamo fare”.

Questa frase racchiude perfettamente quello che cerco di dirti: tu hai la libertà fondamentale di volere, di sentirti come vuoi sentirti.

Ci sono cose che devi fare, ma puoi scegliere di fare quello che devi con gioia.

Puoi allenare il pensiero positivo in molti modi, ad esempio usando le affermazioni, di cui ti ho già parlato in questo post.

Un altro modo è la VISUALIZZAZIONE, che non va confusa con l’immaginazione, perché con l’immaginazione puoi fare volare la tua fantasia, ma non sempre segue una logica precisa.

La visualizzazione invece è un atto di volontà cosciente e razionale.

Tu puoi decidere che cosa visualizzare, hai il pieno potere su questa facoltà.

Per esempio puoi visualizzare la tua vita tra un anno, vedendola in ogni dettaglio. Ed in questo senso può diventare un ottimo allenamento per il pensiero positivo, perché puoi decidere di visualizzarti al tuo meglio, mentre vivi la vita che desideri.

Perché sia più efficace puoi vedere la tua giornata ideale, dal mattino quando ti svegli fino alla sera:

– Come fai colazione

– Come passi la mattinata

– Come ti vesti, che accessori indossi e qual è il tuo stile

– Dove lavori e con chi

– Doce e come pranzi

– Cosa fai il pomeriggio

– Quali persone incontri

– Quali attività preferisci fare

– Com’è la tua cena e poi la serata

Puoi sbizzarrirti a creare tutti i dettagli che vuoi. Più ce ne saranno, più l’esperienza ti sembrerà reale e soprattutto possibile.

Vedrai come alla fine sentirai aumentare sensibilmente la fiducia nel tuo futuro.

Se provi a ripetere l’esperienza della visualizzazione per un certo periodo, provando anche a scrivere tutto quello che vedi, ti abituerai sempre di più ad usare questo strumento, adattandolo di volta in volta alle situazioni che preferisci.

Allora, sei pronto a pensare positivo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *